Piccoli tradimenti di fotografia

Piccoli tradimenti di fotografia

PhotoBIT Forum
 
Oggi è gio lug 02, 2020 11:23 am

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Leica M4-2
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 9:46 am 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
chi mi da qualche indicazione su codesta macchina, la prima risposta commerciale leica al mondo che stava cambiando. Dopo il fallimento delle vendite della M5 (seppur venduta quasi sottocosto) a cui continuava a venire preferita la M4, da canada propongono di abbasaare un po' di controlli, qualche componente piu' economica ed una scelta piu' industriale e meno artigianale di tutta la filiera. Escono la M4-2 e successivamente anche la M4-p (che include anche la cornice del 28 e del 75) ormai una quasi m6.
Le prime M4-2 sembrano pero' avere diversi problemi, proprio per i minori controlli, ma sono in ogni caso per leica un buon successo e come azienda puo' riprendere a respirare.

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 10:02 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:52 am
Messaggi: 5082
Non erano costruite con "qualche controllo in meno", erano costruite secondo il metodo industriale, sconosciuto in Leica.
Fino ad allora i pezzi si aggiustavano sulla macchina, una sorta di "reglage" da orologeria. Con la M4-2 sono i singoli componenti a esibire delle tolleranze tali da "incastrarsi" senza biogno di aggiustaggi successivi.
Certo all'inizio, come tutte le cose che hanno un inizio, non tutto andò particolarmente bene, qualche problemino lo ebbero anche i canadesi.
Però dopo furono assolutamente perfette, specie con la M4-P, macchina che gode della fama di essere la più robusta M mai prodotta.
Certo meno romanticismo, leve di carica più "rudi", pulsanti di scatto meno morbidi (ma sempre tutt'altra cosa rispetto a quelli della M6 e successive), ma a me sembra un piccolissimo prezzo da pagare.
A me le canadesi stanno particolarmente simpatiche.
Capisco che molti, per questa sorta di "ruvidezza", non riescono a godere...

Nat

_________________
AAB Member


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 10:19 am 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
Ma ti risultano differenze costruttive tra M4-2 e M4-P perche' non ho trovato molti riferimenti

Poi ci sarebbero tutte le particolarita' occhielli cromati, occhielli neri, quelle fatte comunque a Wetzlar, quelle con la leva di carica della M4......
Qualcuno mi dirime un po' di casino?

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 10:27 am 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
Aggiungo questo link con quanto scritto da Ciccarella

www.newoldcamera.com/OpenMind/LEICA%20M4-2.pdf

qualche accenno sull'uso della plastica anche qui:

www.newoldcamera.com/OpenMind/Summicron35.pdf


Aggiungo anche questo link in inglese

http://leica.nemeng.com/016b.shtml

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Ultima modifica di mauro ruscelli il gio gen 15, 2009 12:43 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 10:27 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:52 am
Messaggi: 5082
La più eclatante la sostituzione dell'ottone con la lega di zinco nella calotta.
Le M4-2 dovrebbero essere tutte in ottone, buona parte delle M4-P sono in ottone, le ultime in zinco. Si riconoscono dalla finestra del mirino, retrocessa in quelle in ottone, a filo (come nelle M6 e successive) in quelle in zinco.
Poi le ultime M4-P hanno una sola presa sincro anzichè due ( M e X).

Ma è un mare sterminato...

Nat

_________________
AAB Member


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 12:03 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 20, 2007 9:56 am
Messaggi: 1904
Località: MODENA
la verità, semplice e totale, rimane che senza la Canada Ontario, Leica avrebbe chiuso da un pezzo, sia per le macchine che per le ottiche di Mandler, è stata la fabbrica canadese a tirare su Leica da un progressivo abisso, con prodotti vendibili e molto ben concepiti, la M5 rimane il paradigma del mondo Leica, prodotto eccezionale non compreso ostinatamente dal Leichista 'duro e puro' che, proprio per questo, partecipa allegramente all'affondamento della amata casa
Pierpaolo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 12:16 pm 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
ok ma perche' al NOC si sottolinea sempre se e' occhielli neri o no?

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 12:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar feb 20, 2007 9:56 am
Messaggi: 1904
Località: MODENA
gli occhielli della M4-2 sono in acciaio inox, molto resistenti, si vede che quei pochi neri Wata li apprezza di più, magari l'enensima stramberia Leica
Pierpaolo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 12:33 pm 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
I numeri di matricola sono da 1480001 a 1533350 prodotta dal 1977 al 1980. I primi 95 esemplari avevano il bollino rosso Leitz nella parte frontale vicino all'ottica (tipo m4-p). In totale sono state prodotte 16000 macchine.

Nel 1979 ne e' stata prodotta una serie limitata di 1000 esemplari in oro.

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 12:36 pm 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
Cosa mi sapete dire del telemetro e' come quello della M6? soggetto allo stesso FLARE??

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 1:06 pm 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: dom dic 10, 2006 5:05 pm
Messaggi: 8636
Località: Ferrara
http://www.mauroruscelli.com/dblog/arti ... icolo=1079

Da Leica M una saga senza fine di Sante Castignani:

Con l'uscita di scena della M4 e M5 (1975) e della piccola CL (1976), si interrompe in quel di wetzlar la produzione di fotocamere a telemetro. La dirigenza Leitz, profondamente scoraggiata dall'andamento del mercato, va a cercare in Giappone e nella reflex la sopravvivenza dell'azienda.
Trascorrono così un paio di anni molto tristi: dall'inizio della storia Leica non era mai successo che non esistesse una fotocamera con questo nome che esibisse il suo bel mirino galileiano. Unica rappresentante del mito Leica, in quei tempi, la "meticcia" R3, certo non il sogno dei sostenitori più sfegatati.

Tutto sembra perduto, le altre grandi case tedesche hanno già capitolato da un pezzo, e nulla all'orizzonte lascia presagire la rinascita che di lì a poco arriverà sotto forma di un deus ex machina canadese...

Proprio così, negli stabilimenti di Midland, assieme ad eccelsi tecnici c'era anche un dirigente illuminato che lanciò una sfida a Wetzlar, quella di rimettere in produzione un quantitativo di apparecchi a telemetro per soddisfare una richiesta che evidentemente aleggiava nell'aria; dalla Germania si replicò con un rilancio: facciamo le macchine se ce ne vendi anticipatamente qualche migliaio. Dopo poco, il nostro eroe (mi spiace di non ricordarne il nome, ma questa storia è stata narrata da poco su Leica Magazine) si ripresentò con contratti in avanzo per ripartire con l'avventura della M. La linea di produzione M venne trasferita in Canada, e ci si mise al lavoro.
Si riprese in mano la M4, venne giudicata opportuna una predisposizione per il winder, e superfluo l'autoscatto; qualche piccola semplificazione produttiva, e via con la M4-2.
Fu un piccolo successo, circa 16.000 pezzi in tre anni. Lontani dai grandi numeri del passato, ma sicuramente meglio di niente.

Arriviamo al 1980. L'esperienza tutto sommato positiva della M4-2 convince la Leitz a riprendere la produzione in Germania. La M4-2 viene modificata nel mirino, cui vengono aggiunte le focali 28 e 75, e il nome viene variato in M4-P; in produzione fino al 1986, per un totale di circa 23.000 pezzi.


Ecco anche qualche foto:

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

_________________
ciao
Mauro
Il mio sito - oppure - flikr


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 1:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun dic 11, 2006 11:52 am
Messaggi: 5082
Il mirino telemetro della mia M4-P è superiore a quello della (mia) M6.
Il mirino migliore ce l'ho sulla M4 Wetzlar a pari merito con quello della MP.

Nat

_________________
AAB Member


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 2:54 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun dic 11, 2006 5:39 pm
Messaggi: 7567
Località: Milano
mauro ruscelli ha scritto:
Ma ti risultano differenze costruttive tra M4-2 e M4-P perche' non ho trovato molti riferimenti

Poi ci sarebbero tutte le particolarita' occhielli cromati, occhielli neri, quelle fatte comunque a Wetzlar, quelle con la leva di carica della M4......
Qualcuno mi dirime un po' di casino?


Mauro, solo le prime avevano componenti della M4 come la leva di carica o gli occhielli in ottoni verniciati di nero, più incisioni variabili successivamente scomparse.
Se ti ricordi io ne avevo una che era una preserie con i numeri attribuiti all R3 safari, ma senza il bollino rosso, e come mi disse Zucco di Fotocamera, per certi aspetti poteva valere di più, ma poi come al solito nel collezionismo conta a quanti interessa un oggetto al di là della rarità.


Ciao
Luca

_________________
http://lucarubbi.blogspot.com/
http://lucarubbi.carbonmade.com/
http://lucarubbimuserotike.carbonmade.com/


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 3:46 pm 
Non conosco le varie differenze di struttura esistenti fra i due corpi, ma posso informarti che la M4-P é stata progettata con un contributo di robustezza, nettamente superiore alla M4-2. Difatto, la M4-P é stata la fotocamera che ha ricevuto il consenso unanime d'affidabilità, dopo essere resistita alla grande ai micidiali venti ed alle glaciali temperature sull'Everest, nel 1982.

Leica M4-P sull'Everest e Superikonta sul K2.

Infine, sul frontale appare il marchio rosso Leitz.

Tutta la vita M4-P

Bruno


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio gen 15, 2009 3:56 pm 
Un piccola curiosità...il rumore dell'otturatore.

M4-P 20Dbel
M6 30Dbel
F5 45Dbel
Crex 60Dbel

Superikonta...ssssssssssssssssssssssssssss

Sogni d'oro.

Bruno


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

PhotoBIT

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Template made by DEVPPL - Traduzione Italiana phpBB.it